Valerio Rapolo a NS24: “All’Alfaterna siamo una grande famiglia. Il pallonetto? E’ stato un gol d’istinto”

Dopo la gara vinta ieri mattina dall’Alfaterna 3-0 in trasferta contro la Boys Pianurese 2005, abbiamo contattato in esclusiva il centrocampista Valerio Rapolo che ha messo a segno tra l’altro una doppietta.

Ieri vittoria importante per 3-0 dove è riuscito a realizzare anche una doppietta.
“E’ stata una gara disputata alla perfezione da parte nostra. Abbiamo impostato fin dall’inizio il nostro gioco seguendo tutti gli schemi provati fin dalla preparazione con mister Sellitti. Fortunatamente sono riuscito anche a realizzare una doppietta e non è una cosa di tutti i giorni per un centrocampista centrale. Sono molto soddisfatto sia a livello personale ma soprattutto per aver portato tre punti alla nostra squadra”.

Uno dei due gol realizzato è stato di pregevole fattura. Un pallonetto che ha lasciato tutti di stucco. Ce lo può descrivere?
“Si. Anche se la distanza era notevole ho visto il portiere fuori dai pali e dopo una respinta alta della difesa, l’ho messa giù e il pallonetto è stata la prima cosa che mi è venuta in mente di fare. Spesso questi gol sono anche conditi da una buona dose di fortuna. E’ stato d’istinto ed è stato un bel gol”.

Dopo quel passo falso in casa vi siete ripresi. Ci state pensando ad un obiettivo maggiore che non sia la salvezza?
“Dispiace per come è venuto il pareggio la settimana scorsa perché ci ha un po’ penalizzato, però con la prestazione di ieri abbiamo dimostrato di essere una squadra molto solida anche a livello caratteriale. Non è da tutti reagire in quel modo dopo quel pareggio beffa. La salvezza deve restare il nostro obiettivo principale per affrontare ogni partita al massimo con la giusta umiltà ed intensità. Se riusciremo a raggiungere questo obiettivo il prima possibile, da lì potremmo pensare ad eventuali play off. Però dobbiamo volare bassi”.

Che rapporto ha instaurato con i compagni e con Sellitti?
“Io fin dall’inizio ho visto un clima ideale e una famiglia allargata. Dai calciatori alla società sono delle bravissime persone e sono professionisti, mi sento veramente a casa. Per quanto riguarda mister Sellitti, io lo reputo una persona squisita e un grande intenditore di calcio. Ha delle idee eccellenti per la categoria ed è soprattutto un lavoratore. Pian piano sta inculcando questa mentalità su tutti noi e infatti noi stiamo lavorando tanto e i risultati lo testimoniano”.

Qual è il suo obiettivo stagionale?
“Il mio obiettivo come sempre è dare tutto me stesso in campo per raggiungere l’obiettivo principale della società. Io sono sempre a disposizione di mister e squadra. Darò sempre il massimo e se riuscirò a siglare altri gol come ieri o anche assist sarò ancora più soddisfatto ma sempre pensando prima di tutta al bene della squadra”.