prisco sellitti intervista

Alfaterna-Sellitti a NS24: “Dedichiamo la vittoria al nostro portiere Benevento. Primi in classifica? Frutto di un anno di lavoro”

Al termine della gara vinta dall’Alfaterna 4-1 in trasferta contro il Mons Prochtya Calcio, abbiamo intervistato in esclusiva il tecnico dei nocerini Prisco Sellitti. Queste le sue parole.

Stamattina altra vittoria di grande spessore. 4-1 in trasferta contro il Procida?

“E’ stato un inizio di gara molto equilibrato però poi siamo riusciti a prendere il comando delle azioni e abbiamo tirato 2-3 volte in porta soprattutto sulla sinistra con Nico Rapolo.  Dopodiché è entrato nel vivo del gioco D’Amato che ha segnato un gran bel gol su una verticalizzazione di Valerio Rapolo. C’è stata poi una loro reazione ma siamo stati bravi a raddoppiare su un nostro schema da calcio d’angolo anche se poi abbiamo subito gol nel minuto di recupero per colpa di un calo di concentrazione. Nella ripresa abbiamo subito preso le chiavi del gioco e siamo riusciti a realizzare altri due gol con Santoriello e Ammendola.  Dopo la loro espulsione abbiamo sfiorato più volte il quinto gol”.

Ottima gara dei neo acquisti Rapolo, Santoriello e D’Amato ma anche Salvato che era al suo debutto.
“Certo. Ha fatto una buona gara così come tutta la difesa soprattutto nella fase di non possesso visto che loro giocavano con palle lunghe. Ci siamo fatti trovare bene e avevamo le distanze giuste ma voglio elogiare anche le prove di Valerio Rapolo e di Cirillo. Non sappiamo se sono loro che non erano un granché o siamo stati noi bravi, però penso che abbiamo giocato bene anche oggi”.

Di questo risultato molto positivo, ha qualcosa da rimproverare alla sua squadra?
“Se voglio trovare il pelo nell’uovo della gara di stamattina, sicuramente il calo di concentrazione sul 2-0. Le partite bisogna chiuderle e non concedere niente agli avversari perché infatti su una punizione siamo stati distratti e abbiamo chiuso il primo tempo sul 2-1 e gli abbiamo dato una chance di riaprire la gara. Nel secondo tempo siamo stati bravi a ripartire bene e dopo aver fatto il 3-1 non sono riusciti più a reagire. Forse dobbiamo anche gestire meglio la partita con più possesso palla”.
A chi dedica questa vittoria?
“Questa vittoria è per il nostro portiere Benevento che venerdì ha avuto un brutto scontro di gioco ed ha avuto ben otto punti di sutura in testa e dovrà restare fermo un po”.

Sabato prossimo affronterete la Rinascita Sangiovannese. Sarà una gara difficile?
“Certamente, ogni partita ha la sua storia. Mi è stato riferito che la Sangiovannese è un’ottima squadra e ben allestita. Oggi ha perso contro l’Afragolese che dovrebbe essere una delle favorite alla vittoria finale del campionato. Sappiamo che sabato sarà una e i miei lo sanno. Dobbiamo resettare queste vittorie, prendere il buono e migliorarlo mentre ciò che abbiamo sbagliato cercheremo di correggerlo. Bisogna fare sempre bene partita dopo partita e non dobbiamo porci obiettivi. Siamo una squadra umile ed il lavoro deve essere la nostra forza”.

Se un mese fa gli avrebbero detto che l’Alfaterna dopo due giornate sarebbe stata a punteggio pieno e con 11 punti fatti ci avrebbe creduto?
“Lo scorso anno nei momenti di difficoltà la società prendeva la forza da me che non mi scoraggiavo. Io dissi ai ragazzi che il lavoro avrebbe pagato ed è ciò che sta succedendo. Ovviamente non pensavo con questi numeri, però credo molto nei miei ragazzi e pertanto non sono molto sorpreso da questo inizio di stagione”.