37 ANNI DA JUVENTUS-NOCERINA, Gaetano Orsini a NS24: “A Nocera al gol di Garlini si udì un boato impressionante. Il Città Di Nocera? Domenica ero allo stadio”

Il 17 settembre del 1978 al Comunale di Torino si affrontavano per l’incontro valevole per il Primo Turno “fase a gironi” di Coppa Italia la Juventus di Trapattoni contro la Nocerina di Giorgi. La nostra redazione ha intercettato in esclusiva per questo 37′ anniversario Gaetano Orsini, il figlio dell’allora leggendario presidente dei molossi.


Gaetano Orsini

Oggi ricade il 37esimo anniversario della gara di Coppa Italia al comunale di Torino tra Juventus e Nocerina. Che ricordi ha?
“Si giocava di domenica ma la Juventus veniva da un impegno di coppa ed il mercoledì successivo era impegnata in nazionale. Quella squadra si era classificata praticamente al quarto posto ai Mondiali in Argentina battendo nella fase a gironi 1-0 con una bellissima rete di Bettega proprio i padroni di casa che poi vinsero la Coppa del Mondo.Ricordo ancora lo schieramento della Juventus”.

Ovvero?
“Se non sbaglio  Zoff, Cuccureddu, Cabrini, Gentile, Morini, Scirea, Causio Tardelli, Virdis, Benetti e Bettega. La Nocerina cominciò alla grande e non sembrava che ci fossero due categorie di differenza. Ricordo che Manzi annullò praticamente Causio, mentre Cornaro imperversava sulla fascia destra e proprio da una sua iniziativa arrivò il bellissimo goal di Oliviero Garlini. Fu una gioia immensa sulla tribuna del comunale di Torino anche se durò poco perché dopo soli due minuti le zebre pareggiarono con una semirovesciata di Bettega. Noi rossoneri da autentici molossi non ci perdemmo d’animo e ritornammo di nuovo a fare il gioco sfiorando il vantaggio con un colpo di testa del libero Stefano Calcagni. Naturalmente alla fine prevalse la Juventus che andò ancora in rete con Tardelli nel primo tempo e con Benetti nella seconda parte della gara. Tra l’altro ironia della sorte volle che l’arbitro di quella gara fu Benedetti lo stesso che arbitrò lo spareggio di Catanzaro contro il Catania”.

Cosa ricorda invece dell’atmosfera allo stadio? Quanti molossi vennero al comunale di Torino?
“Ricordo innanzitutto che era presente anche mia madre che, se non ricordo male, ha assistito in tutta la sua vita a tre partite della Nocerina. In tribuna erano presenti alcuni miei amici ed in curva c’erano poche persone. I tifosi di una volta non erano organizzati come oggi. Ricordo che la seconda partita disputata a Torino contro la Juventus (Coppa Italia 1996-97 n.d.r.) c’erano molti tifosi nocerini. Comunque in molti mi hanno riferito che tutta Nocera era con l’orecchio alla radiolina e che al goal di Garlini per le strade di Nocera si udì un boato impressionante”.

Oggi Nocera calcistica è ripartita con il progetto del Città Di Nocera che oltre ad avere progetti ambiziosi cercherà al più presto di ritornare alla storica denominazione Nocerina. Vuole fare un augurio a questa nuova società?
“Tengo a precisare che domenica ero al San Francesco per assistere alla prima gara casalinga contro il Faiano. Comunque certo, auguro ai dirigenti del Città di Nocera e quindi a tutti noi che si realizzi un programma sportivo con la vittoria del campionato in modo da poter gettare le basi per un futuro calcistico prestigioso sotto il nome di Nocerina”.

IL TABELLINO

JUVENTUS: Zoff, Cuccureddu, Cabrini (1’st Furino), Gentile, Morini, Scirea, Causio, Tardelli (15′ st Fanna), Virdis, Benetti, Bettega. Allenatore: Trapattoni.
NOCERINA: Garzelli, Grava (21′ st Ranieri), Manzi, Cornaro, Colzato, Calcagni, Chiancone, Porcari, Bozzi, Borzoni, Garlini. Allenatore: Giorgi.
ARBITRO: Benedetti di Roma
RETI: 10′ Garlini, 12′ Bettega, 54′ Tardelli, 85′ Benetti