prisco sellitti intervista

Alfaterna-Sellitti a NS24: “Buona prestazione, ma adesso dobbiamo resettare tutto. Abbiamo degli under di qualità”

Nella prima gara ufficiale valevole per il primo turno di Coppa Italia, vince l’Alfaterna per 2-0 al Sessa di Castel San Giorgio contro la Pro Pagani. La redazione di NoceraSport24.com ha intercettato in esclusiva il mister della squadra nocerina Prisco Sellitti.

Ieri prima gara ufficiale di Coppa. Dove avete trovato una vittoria prestigiosa con un squadra che lo scorso anno aveva fatto un grande campionato
Una buona prestazione, anche se i primi 15 minuti non abbiamo giocato bene. C’erano distanze tra i reparti e gli attacchi in fase di non possesso sbagliati. La Pro Pagani è partita forte e quindi abbiamo rischiato qualcosina. Dopo una volta trovata la giusta organizzazione abbiamo rischiato poco o nulla tranne nella fase finale dove anche i pesanti carichi di lavoro hanno influito sulla scarsa lucidità dei miei ragazzi”.

Ieri sono scesi in campo anche i nuovi acquisti per esempio Rapolo e Bottiglieri. Come giudica la loro prestazione?
I nuovi acquisti sono andati abbastanza bene. Bottiglieri, i due Rapolo ed Ammendola sono dei bravi ragazzi e stanno lavorando molto per riuscire ad apprendere al più presto ciò che voglio in campo, ovvero una squadra che sappia fare le sue fasi di gioco in modo organizzato e lineare ma soprattutto umiltà,corsa e sacrificio. Ieri voglio sottolineare anche la grande prova di un 98, ovvero Grillo”.

Ecco infatti quest’anno partite con una base molto solida e con diversi under che avete cresciuto in casa e che ora stanno facendo molto bene
“Sicuramente. Poi io sono uno che non ha paura di giocare anche con qualche under in più. Ovviamente bisogna cercare di farli giocare nei propri ruoli senza adattarli come è nello stile di noi allenatori. Se uno è bravo ed utile alle mie idee di gioco va in campo, quindi non faccio differenza tra under ed over”.

Dopo una buona fase di precampionato e la gara in coppa, arrivate al meglio alla prima di campionato contro Santa Maria La Carità. Che partita vi aspetta?
Abbiamo fatto un buon lavoro in questo periodo, ma ora si resetta tutto. Se qualche mio giocatore pensa già di aver fatto bene e quindi rischia un calo di concentrazione ha sbagliato completamente. La mia mentalità è quella di pensare alla gara successiva come la gara più difficile della stagione e dimostrare ogni volta ciò che valiamo con i fatti. Il passato o le chiacchiere nel calcio non portano frutti se in campo non ci metti carattere e voglia matta di arrivare ad un obiettivo comune. In ogni gara deve esserci la vittoria, poi se ce la metti tutta e non si riesce a vincere pazienza vorrà dire che gli avversari saranno stati più bravi e bisogna fargli solo i complimenti”.